Post

Wen-sday, NO Wednes-day (oppure: come si pronuncia "mercoledì" in inglese)

Immagine
Non so come sono arrivato a questo video che ha ormai 10 anni. Mi faccio una risata imparando pure qualcosa di utile. (continuo a dire wednesday come se fosse un weddings' day...)

Due note.
- Per un italiano la parte più difficile sia prima capire che in italiano esistono due tipi di esse e due tipi di zeta (dice mia madre "lo zucchero non è dolce"). Superato questo scoglio, scoprirà che l'inglese non ha la differenza fra s sorda e s sonora. Tutto diverrà più semplice.
- La vocale dell'"uomo morto" (lo scevà: ə) mi ha fatto scompisciare. In italiano non c'è ma in tante altre lingue in Italia o in italiani regionali esiste.

N.B.: avevo aperto un blog nel fediverso. Devo ri-trasferirmi perché non mi piace dove sto.

Una barzelletta atomica + aggiornamento

Allora... ci sono Ahmadinejad, Kim Jong-Un e Donald Trump, reduci dal G qualcosa, l'ennesima inutile passerella internazionale contestata dalla popolazione.
Questa volta il G qualcosa si è tenuto ad Amsterdam, e quindi i tre, per smaltire la delusione delle contestazioni, si fanno di acidi.
(altrimenti - inciso - non si sarebbero arbitrariamente incontrati per bontà della barzelletta visto che si schifano a vicenda...)
Altrettanto arbitariamente discutono ormai da 3 ore di voler fare un giro in centro, ognuno con un dialetto diverso: Ahmadinejad in lumbard, Kim Jog-Un in napoletano e Donald Trump in... un parente del toscano.

A: belìn, Donald, te giren i ball?
T: icche tu dici, bischero!
J-U: ma Melania sta indisposta?
T: ma nemmeno, corbezzolli!
A: allora vegni con mì e Jong-Un per Amsterdàm!
T: oggi fo forca, l'è proprio un trojajo.
J-U: e jamme jà, a Tramp bell! nun te fra pregà.
T: o come ve lo devo dire?! stasera UNNÈSCO!

Se siete arrivate/i/u in fondo a questo post, vi anticipo ch…

L’inversione di Andromaca

Immagine
Andromaca cara,
Ti aspetto e ti ardo.

Persi lo smalto
dopo quella vicenda,
dove sconfissi il mostro
e vincemmo la guerra.

Rimasi menomato,
affranto ma felicemente
pieno del nostro
piccolo focolare.

Non immaginavo però
che davanti al camino
dovessi stare sempre io,
ad alimentare un fuoco sempre
un attimo prima che si bruci.

Sorte vuole che mia corazza
è la pazienza,
mio scudo
l'ironia.
Condividere lo stesso talamo
e non le stesse vite...

Guarda: può starmi anche bene
se fai il tuo bene.
Rimani incorruttibile
così come sei
e noi saremo incorruttibili
insieme.

Ti aspetto e ti ardo.
Tuo.

(lavevo scritta per questo blog e la riposto qui)

Non esiste nessun demiurgo - parte 3

Immagine
Senza un mondo in cui vivere, senza un tempo da trascorrere, senza avventure da intraprendere, i nostri personaggi erano confinati nella fantasia di ciascuno, le nostre schede erano carta straccia. Ci trovammo all'improvviso nel nulla.
Pregammo Francesco (il mio primo master e master dell'intero gruppo prima di me) di guidare il prossimo gioco: il massimo che ottenemmo furono nuove schede di personaggi che mai nessuno interpretò. Qualcosa di simile a un'idea mai pensata. Ci saremmo potuti accontentare di giochi di ruolo "normali", come guardie e ladri o cose simili, ma il fascino e la complessità di quel gioco erano inarrivabili. Mi ricordo ancora che ci siamo posti lucidamente il problema. Eravamo sempre a casa di Marco (di cui ho già raccontato le grandi doti strategiche) e scalpitavamo per capire come uscire da questa situazione. Fu vano volgersi all'impegnatissimo Giovanni, il master degli altri prima che li affidasse a Francesco. Realizzammo subito c…

Non esiste nessun demiurgo - parte 2

Immagine
Sette locuste grandi quanto cavalli muovevano disperate alla ricerca di cibo da masticare: manicaretti come noi avventurieri potevamo fare al caso. Eravamo in inferiorità numerica, io preferivo bersagliare le bestie dalla distanza, magari intrappolarle con dei fili magici appiccicosi che facilitassero la loro eliminazione o la nostra fuga.
Guardate, ci furono polemiche: secondo il gruppo, ero uno scellerato a sprecare con così tanta leggerezza il potere magico che custodivo. In particolare venni screditato da Marco, che apparentemente ne sapeva più dentro e fuori dal gioco e quindi ogni sua posizione diventava decisione. Feci quindi un passo indietro.



I miei compagni di peripezie, invece, si fiondarono risoluti contro le locuste, facendone fuori ahimé soltanto una a causa di una serie sfortunata di eventi; [0] furono accerchiati poco dopo. Quelle locuste secernevano uno stranissimo veleno, che paralizzava i malcapitati senza però far perdere loro coscienza. I miei compagni furono col…

Non esiste nessun demiurgo - parte 1

Immagine
Ciao Volpe. Ora che ti sei laureata e puoi subire smottamenti, ti confesso un segreto: non esiste nessun demiurgo. Quello che tu attribuisci a una figura mitica è la proiezione di ciò che magari vorresti essere, o forse in cui riponi un eccesso di stima. Sta di fatto che il "demiurgo" è il complemento di ciò che sei. Ciò che non sei lo proietti in qualcosa di metafisico, oppure in esseri - seppur fisici - comunque ritenuti possessori di capacità soprannaturali. Questo può essere in qualche modo un meccanismo che aiuta in momenti difficili. Alla lunga, però, rischi di delegare una tua realizzazione a soggetti terzi, quand'anche inesistenti, provocando quindi un'inibizione delle tue possibilità. Mi dispiace scombussolare un tuo pensiero, ma - nelle funzioni che mi attribuisci - ci sarà pure quella di dissolvere i veli che ammantano il reale... no?


Vorrei raccontarti una storia di "emancipazione", sperando che ti aiuti a metabolizzare il concetto. Per tutta un…

A quale Paese devo tornare?

Immagine
Questo cartello è apparso al raduno di Pontida della Lega Nord. Ha scatenato un botta e risposta sul quotidiano Avvenire, diretto da Marco Tarquinio. Ho inviato la lettera seguente al direttore. Non mi è stata pubblicata, la pubblico qui.
Caro Direttore, sono un lettore occasionale e piuttosto particolare di Avvenire. Ad esempio, leggo con interesse gli interventi del collega Fulvio Scaglione, uscendone sempre arricchito. Mi inserisco nel solco delle due lettere (prima e seconda) apparse recentemente in rubrica. Sono in particolare solidale con la signora Samanta che ha subito minacce. Invito la signora a denunciare tempestivamente all'autorità quanto accaduto. Sono uscito formalmente dalla Chiesa Cattolica Apostolica Romana per professione di apostasia e perché nel paese in cui lavoro pagherei più tasse se contassi come cattolico. Sono ateo - più precisamente apateista - e sostenitore dell'UAAR, ma non ho mai fatto una tessera. Le scrivo a nome mio personale, e solo me rappr…