L’inversione di Andromaca

Ettore e Andromaca (1963), de Chirico, Firenze


Andromaca cara,
Ti aspetto e ti ardo.

Persi lo smalto
dopo quella vicenda,
dove sconfissi il mostro
e vincemmo la guerra.

Rimasi menomato,
affranto ma felicemente
pieno del nostro
piccolo focolare.

Non immaginavo però
che davanti al camino
dovessi stare sempre io,
ad alimentare un fuoco sempre
un attimo prima che si bruci.

Sorte vuole che mia corazza
è la pazienza,
mio scudo
l'ironia.
Condividere lo stesso talamo
e non le stesse vite...

Guarda: può starmi anche bene
se fai il tuo bene.
Rimani incorruttibile
così come sei
e noi saremo incorruttibili
insieme.

Ti aspetto e ti ardo.
Tuo.

(lavevo scritta per questo blog e la riposto qui)

Commenti

Post popolari in questo blog

Corso di lingue

Pro deus!

FENT.MO nelle lettere, nelle mail, nelle intestazioni