martedì 10 marzo 2009

La Marcia Marcia

Non ci siamo spiegati, forse.
"La marcia della pace Perugia-Assisi" è una mobilitazione di massa propagandistica a favore del modus operandi (o meglio, opus moderandi) della kiesa kattolika apostolika romana.
Ha origini totalmente estranee dall'ingegneria sociale kattolika: la prima marcia si svolse domenica 24 settembre 1961 su iniziativa di Aldo Capitini, voleva essere un corteo nonviolento che testimoniasse a favore della pace e della fratellanza dei popoli <>. Capitini era di quei religiosi che poco si trovano in giro, che facevano Gesù a loro immagine e somiglianza: accomunava la religione alla morale <>. L'idea di laicità del Capitini nasceva dal distacco dalla kiesa kattolica, complice del regime fascista: col concordato del 1929 la Chiesa legittima il potere di Mussolini dimenticando le violenze squadriste e, in tal modo, sostenendolo garantendo la sua moralità di fronte alla maggior parte della popolazione che riponeva cieca fiducia nell'ekklesiarkìa.
In questa "marcia della pace" a poco a poco scompare il carattere laico e areligioso per fare posto all'indottrinamento più becero e oltranzista. Sorvolando le sparute singolarità, la marcia è precisamente una sfilata caotica di posizioni e ideologie: abbiamo i cattocomunisti, abbiamo i cattosocialisti, i cattoliberali, i cattoconservatori, abbiamo pure i cattoteodem e i cattocattolici o i cattodemocristiani, i cattofascisti, i cattocattocattisti, spesso e volentieri compaiono i cattoanticlericali, perfino qualche ateo devoto. Dopo 24 kilometri di marcia tutti si accostano alla maestosa kiesa che non ha nulla di francescano, e ascoltano in concomitanza con la lezioncina-predica del kapoierarka precisi messaggi politici che agiranno nel subconscio e condizioneranno la capacità decisiva di ogni singolo astante. Poi tutti questi escono, chi avrà fortuna parlerà un poco, assolutamente nessuno parlerà di pace...
SE SOLO UNO DI QUEI BUZZURRI SI SOFFERMASSE PER UN MOMENTO!
Ma... la pace? ma veramente la pensi così? io la penso diversamente, questa è la pace! Ma come non lo è?! Vorresti mettere in dubbio...?! Come ti permetti! Chi sei tu per dubitare quello che penso! En guarde!

1 commento:

  1. Secondo me, nel finale hai un po' esagerato.
    Comunque avresti dovuto leggere l'invettiva anticlericale che ho scritto nel compito di Dante, parlando di San Francesco e della Chiesa mondanizzata...XD!
    Se prenderò un voto basso (la prof. è cattocattocattista e io sinceramente scema) sarà anche colpa tua, LAICO CONTAGIOSO!
    I miei poveri anticorpi...
    ;*!

    RispondiElimina