domenica 8 febbraio 2009

Vi dispiace se non fumo?


I morti parlano pure quando non interpellati, e in assenza di interlocutore si organizzano di conseguenza...
M: -Vi dispiace se non fumo?-
Accende il sigaro.
G: -Passo per un originale, un maniaco, un pazzo, evidentemente la reputazione è ben meritata perché, ovunque vada, attiro a me gli originali, i maniaci e i pazzi.-
Cioé quelli che lo cingono di compagnia, all'interno dell'immaginazione di un malemerito pazzo, demente, scemo, solo.
M: -Come ci si può divertire in una festa in cui le birre sono calde e le donne sono fredde?-
E: -Quel malemerito pazzo mi ha invitato ad un convegno con Gandhi, il più grande genio politico del nostro tempo, ci ha indicato la strada da percorrere. Dovremmo sforzarci di fare le cose allo stesso modo: non utilizzando la violenza per combattere per la nostra causa, ma non-partecipando a qualcosa che crediamo sia sbagliato!-
G: -Non-partecipazione: ciò che servirebbe alla guerra... Daresti a questo pazzo un compenso dieci volte maggiore per quello che ti offre, Sig. Einstein?-
E: -Lei mi onora, e io la onorerò 10 volte tanto.-
G: -Formalità. Col "tu" siamo tutti uguali-
E: -...e mi sono sentito veramente provato all'annunciazione di un incontro con Marx, di cui apprezzo la dottrina economica a protezione dei più deboli. Cosa ritrovo?-
M: -Mandatemi subito due mezzi whisky doppi.-
E: -Un comico del nonsense e della sarabanda anarchica!-
M: -Questi sono i miei princìpi, e se non ti piacciono... beh, ne ho altri!-
G: -Suvvia, Sig. Einstein, Groucho sbeffeggia sfrontatamente la professione medica, legale, militare, il mass media, l'alta società, praticamente tutti i bastioni del potere, e fa ridere.-
M: -Proprio ciò che stavo per dire prima che mi venisse l'intezione.-
E: -Io poco ho da perdere. Ho un'eternità ripetitivamente circolare per mettere a tacere quel simpatico Bohr e la sua meccanica quantistica... Dio non gioca a dadi con l'universo!-
M: -Piantala di dire a Dio che cosa fare con i suoi dadi! Non solo Dio gioca a dadi, ma li getta laddove non possiamo vederli.
E: -Discepolo di Feynman?-
M: -Sono fatto così, voglio sempre capire! Il Sig. Feynman mi ha detto che queste regole sono semplicissime, le capirebbe un bambino di quattro anni e un minimo di coscienza! Gli ho chiesto di trovare un bambino di 4 anni e un minimo di coscienza, perché io non ci capisco niente!
G: -Dio è coscienza. È persino l'ateismo dell'ateo.-
M: -Dal momento in cui ho preso in mano la Bibbia, fino a quando non l'ho rimessa a posto non ho mai smesso di ridere. Un giorno ho intenzione di leggerla.-
E: -Groucho, il Mahatma intendeva un altro Dio, convinzione profondamente emotiva della presenza di una razionalità suprema che si rivela nell'universo incomprensibile, una umile ammirazione dello spirito superiore e infinito il quale si rivela nei dettagli minuti che riusciamo a percepire con le nostre menti fragili e deboli.-
M: -Einstein, parla di Dio così spesso che mi viene il sospetto che tu sia un teologo clandestino...-
E: -È difficile spiegare questo sentimento a qualcuno che ne è completamente privo, specialmente se non esiste nessuna raffigurazione antropomorfica che possa corrispondere. Gli individui percepiscono la futilità dei desideri umani e gli scopi e al contrario non viene percepito il meraviglioso ordine che sta alla base della natura. L'esistenza di ognuno di noi viene percepita come una specie di prigione e ricerchiamo un'esperienza dell'universo come un singolo significante tutto. I geni religiosi di tutte le epoche si sono distinti per questo tipo di sentimento religioso, che non concepisce né dogma né Dio a immagine dell'uomo; e così non ci possono essere chiese i cui principali insegnamenti siano basati su questi principi.-
M: -Vede, abbiamo una cosa in comune: acclamano me e lei perché non ci capisce nessuno, acclamano Ghandi perché lo capiscono tutti.-
E: -Credo nel Dio di Bruno, di Spinoza... si rivela nell'armonia di tutto ciò che esiste!... Ma non in un Dio che si occupa del destino e delle azioni degli esseri umani.-
G: -...non in chi diceva l'uomo "essere superiore". La supremazia dell'uomo sugli animali inferiori non implicava che i primi dovessero cacciare i secondi, ma che i più progrediti dovessero proteggere gli inferiori, e che ci dovesse essere assistenza reciproca fra loro come c'era fra uomo e uomo.-
E: -Certo, Mahatma! Diventare vegetariano per ragioni etiche, oltre che salutistiche: niente beneficerà la salute umana ed aumenterà le possibilità di sopravvivere sulla Terra quanto l'evoluzione verso una dieta vegetariana.-
M: -Esatto, mai più animali! Solo carne!-
G: -La carne non è un alimento adatto all'essere umano. Il nostro errore è di comportarci come gli animali inferiori, pensando di essere superiori.-
E: -Lei è noioso, Mr Groucho.-
M: -Non più noioso di quando sono da solo: non faccio ridere a nessuno.-
G: -È il suo modo per restituire gioia al prossimo, Einstein. Acquistiamo il diritto di criticare una persona solo quando siamo riusciti a convincerla del nostro affetto e della lealtà del nostro giudizio, e quando siamo sicuri di non rimanere assolutamente irritati se il nostro giudizio non viene accettato o rispettato. In altre parole, per poter criticare, si dovrebbe avere un'amorevole capacità, una chiara intuizione e un'assoluta tolleranza.-
E: -Mi dicono che mi è difficile l'amorevole capacità.-
M: -Il matrimonio è la causa prima del divorzio!-
E: -Gradirei, Mr Groucho, di non toccare tasti dolenti della mia vita familiare.-
M: -Posso sembrare un idiota e parlare come un idiota, ma non devi stupirti: sono realmente un idiota.-
G: -Albert, questo fastidioso uomo è uno dei più grandi sostenitori della pratica della non-violenza.-
M: -L'intelligenza militare è una contraddizione in termini.-
G: -E per molti aspetti vi direi similmente rivoluzionari.-
E: -Due continuatori nel caos della realtà? Io nella fisica, senza averne intenzione, e lui nei caffé?-
G: -Il mondo ha bisogno di irriverente non-violenza. Bisogna mandare messaggi tramite altre forme. Se solo la radio, la televisione, avessero la volontà di farlo...-
M: -Uno spot ad un ente di telefonia italiano?-
G: -Un messaggio universale di pace, che sia capace non di convertire tutti all'amore per il prossimo. Ogni legge detti amore!-
E: -Auspicai anche io un governo globale tempo fa, in vista di una Quarta Guerra Mondiale a suon di sassi e bastoni...-
G: -I tempi sono maturi. Gridate la pace in faccia alla violenza e fatene un passaparola che giri il mondo. Predicate!-
M: -Se qualcuno ci scrive vorrà dire che ci ha sentito, è un gran passo! Propongo un brindisi: garçon, tre terzi whisky tripli, si festeggia!-
Un uomo austero, dal baffo quadrato, fare germanico, porta i tre whisky. Cala l'ennesimo sipario.

Nessun commento:

Posta un commento